Si è tenuta oggi, 8 Luglio 2020, una lunga videoconferenza con Aran per esaminare tutto il testo della bozza di CCNL e avviare la negoziazione verso la conclusione, che è prevedibile nel corso del corrente mese.

CLICCA QUI PER LEGGERE O SCARICARE IL COMUNICATO FEDIRETS CON IL RESOCONTO DELLA RIUNIONE

Si sono tenute oggi, in videoconferenza, tre riunioni con l’ARAN per le sezioni contrattuali (Regioni/EELL – PTA del SSN – Segretari comunali e provinciali) con l’obiettivo di esaminare più nel dettaglio le norme dell’articolato datoriale.
Aran ha preso atto delle molte e puntuali richieste unitarie avanzate dai sindacati e si è impegnata a rivedere la bozza alla luce delle stesse. Si stringono i nodi giuridici ed economici, anche con l’evidenza di punti importanti tuttora non risolti, ma sempre con l’obiettivo di arrivare a mediazioni soddisfacenti e in tempi relativamente rapidi.
La prossima riunione è fissata per mercoledì 8 luglio in plenaria e sempre in videoconferenza, con l’esame della nuova bozza che Aran presenterà dopo la riunione di oggi.

Per il resoconto completo degli incontri :

CLICCA QUI PER LEGGERE O SCARICARE IL COMUNICATO FEDIRETS 

Proseguono le trattative sul CCNL TRIENNIO 2016-2018 Dirigenza Area Funzioni Locali.

Si è svolta oggi una riunione in videoconferenza con la sede Aran.

Per scaricare il Comunicato Stampa   CLICCA QUI

 

E’ stata pubblicata ieri 9 giugno, sul giornale on line Le Cronache, una lettera aperta e indirizzata a  Vito Bardi – Presidente della Giunta Regionale Basilicata.

La Dr.ssa Enrica Marchese, Commissario  Direr-Sidirss ,  chiede un confronto con Bardi, insediato nella Giunta Regionale da un anno,  per migliorare la “macchina regionale”  evidenziando tutte le perplessità, tra cui la carenza dei ruoli direttivi in Regione.

PER LEGGERE LA LETTERA APERTA CLICCA QUI

Si è svolta questa mattina, in modalità tele conferenza, la riunione ARAN che ha decretato la ripresa delle trattative sul CCNL Area Funzioni Locali , dopo quattro mesi di stop del periodo di lockdown.

Per leggere o scaricare il comunicato FEDIRETS con il resoconto della riunione  CLICCA QUI

Abbiamo atteso atteso pazientemente per quasi quattro mesi e sollecitato in tutti i modi la ripresa delle trattative del nostro CCNL .

Lunedì 11 maggio finalmente l’ARAN ha trasmesso una nuova bozza di articolato normativo senza alcun accenno alla parte economica e senza alcuna data di incontro.
Ma la cosa più stupefacente è che la bozza non ha accolto NESSUNA proposta sindacale nè nostra nè di alcun altro sindacato.

Abbiamo richiesto un incontro urgente e inviato un comunicato a tutti gli organi di stampa. Chiediamo a  tutti di farlo girare il più possibile cercando il massimo coinvolgimento a tutti i livelli.

 

CLICCA QUI  PER LEGGERE  E  SCARICARE IL COMUNICATO CCNL AREA DIRIGENZA F.L.

17 aprile 2020 – 

Nessuna ripresa economica è possibile se non si fronteggia l’emergenza sanitaria. Chiediamo rispetto per chi sta in prima linea, senza vuota retorica.

CONTINUA A LEGGERE QUI IL COMUNICATO COSMED

 I DIRITTI FONDAMENTALI NON POSSONO ESSERE RAZIONATI. INVESTIRE NEI SERVIZI PUBBLICI ANCHE PER EVITARE UNA CATASTROFE ECONOMICA.

Continua a leggere  QUI IL COMUNICATO STAMPA COSMED  a seguito del Decreto Cura Italia varato ieri.

In questi giorni da più parti si raccomanda cautela e si consiglia di restare a domicilio in caso di febbre o sintomi influenzali.

Tuttavia per le pesanti penalizzazioni economiche che i dipendenti pubblici subiscono in caso di assenza per malattia si rischia di incentivare le presenze.

È necessario – fa appello la COSMED – sospendere l’articolo 71 del DL 25 Giugno 2008 n.112 convertito in Legge 6 agosto 2008 n.113. La misura voluta per contrastare l’assenteismo, attualmente rischia di intralciare le misure di contenimento dell’epidemia.

 CONTINUA A LEGGERE QUI IL COMUNICATO STAMPA DELLA NOSTRA CONFEDERAZIONE

Senza provvedimenti innovativi una intera generazione rischia di essere scoperta dalla copertura previdenziale. La prolungata disoccupazione giovanile e il ritardato ingresso nel mondo del lavoro ha profondamente depauperato gli accantonamenti previdenziali delle nuove generazioni. La precarietà e la presenza di lavori discontinui hanno ulteriormente aggravato la posizione previdenziale dei giovani, spesso con contribuzioni in diversi istituti previdenziali.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE O SCARICARE   il documento COSMED presentato il 3 febbraio al tavolo di confronto al Ministero del Lavoro