Mario Sette, Segretario Generale Fedirets, si è rivolto così alla parte politica:

 “ Il popolo italiano sovrano ha così deciso rispondendo al quesito referendario del 4 dicembre del 2016. Vanno, pertanto, ricostituite le condizioni procedimentali, organizzative ed economiche affinché le Province possano svolgere efficacemente il ruolo che la legge attribuisce loro in modo che i cittadini possano ricevere l’erogazione dei servizi a loro dovuti, condizioni su cui la Legge 56/2014 e le successive Leggi di stabilità hanno inciso negativamente. 

Ricostituiamo le condizioni affinché le donne e gli uomini che dedicano il proprio contributo lavorativo in queste Istituzioni lo possano fare con passione, con spirito di Servizio e con l’entusiasmo proprio di chi rende un’utilità al suo Paese in ambiti nevralgici, quali quelli dell’ambiente, della viabilità, dell’edilizia scolastica e quello di supporto ai tanti piccoli Comuni dell’Area vasta.

Siamo contenti e attendevamo da tempo che si avviassero una seria riflessione sull’argomento e un proficuo confronto sulla questione, con l’auspicio che non si riveli l’ennesimo terreno per uno scontro politico preelettorale! Noi, operatori del settore, che quotidianamente lavoriamo insieme a i politici del territorio e siamo accomunati dalle stesse avversità derivanti dalle difficoltà quotidiane ad agire con efficacia, dovute ad una normativa sbagliata, contorta ed eccessivamente burocratizzante, siamo pronti a fornire il nostro contributo per migliorare le cose, liberi da pregiudizi e condizionamenti, forti soltanto della nostra esperienza lavorativa e della professionalità acquisita “sul campo”. Siamo a disposizione della Nazione e al servizio dei cittadini, pronti a fornire il nostro contributo di idee a chi ha l’onere e l’onore di governare il nostro Paese.

Ascoltateci!”

FEDIRETS sollecita ai  Presidenti dei Comitati di Settore Regioni e Sanità e Autonomie Locali le risorse finanziarie previste per il rinnovo della dirigenza PTA del SSN

CLICCA QUI PER LA NOTA FEDIRETS – RISORSE CCNL 2016-2019

A tal proposito  l’interessante articolo pubblicato ieri  di Stefano Simonetti (“Il Sole 24 Ore Sanità”)

CLICCA QUI PER L’ARTICOLO:  RINNOVI CONTRATTUALI DIRIGENTI SSN

Ieri, dopo 10 anni di blocco dei CCNL e a triennio già scaduto, anche a seguito dell’ultimo  sollecito da noi inviato in data 15 Marzo 2019 CHE PUOI RILEGGERE QUI , i Comitati di settore Regioni/Sanità ed Enti locali hanno licenziato l’Atto di indirizzo per il CCNL 2016-2018. Ci riserviamo di commentarne i contenuti, in quanto Il testo, nella versione finale, non è ancora disponibile e sarà comunque soggetto, come da d.lgs. 165/2001, all’esame di compatibilità finanziaria da parte del Governo per la sua definitiva approvazione ed il successivo invio all’Aran.

CLICCA QUI PER IL  COMUNICATO STAMPA DIRAMATO DA FEDIRETS 

Nonostante la modifica del comma 687 legge di bilancio 2018 che ha sbloccato la possibilità di avvio dei tavoli di contrattazione della dirigenza del SSN, dei Comuni e delle Regioni, il contratto nazionale di lavoro dell’ Area Funzioni Locali non può ancora partire perchè il comitato di settore continua, a tre anni dalla decorrenza contrattuale e a due mesi dal contratto,  già bello che scaduto, a non emanare neanche l’atto di indirizzo, senza il quale Aran non ci può convocare.
Pertanto  Fedirets, sostenuta da Cosmed, ha sollecitato oggi con fermezza l’emanazione dell’ atto di indirizzo del CCNL 2016/2018 Area Funzioni Locali,  la cui mancanza ormai costituisce una vera e propria omissione di atti di ufficio.
Abbiamo tentato, invano, di coinvolgere nel sollecito le altre O.S. dei Confederali.
Dobbiamo dedurre che non è evidentemente interesse di tali Organizzazioni Sindacali lo status professionale ed economico della dirigenza.

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 20 del 22 febbraio 2019 si è pronunciata sulla questione di legittimità costituzionale, dichiarando incostituzionale la pubblicazione della situazione patrimoniale e reddituale dei dirigenti e suggerendo al legislatore un intervento volto a limitare detto obbligo ai soli dirigenti apicali, in considerazione dei compiti di elevatissimo rilievo ai medesimi attribuiti.

Con la conversione in legge del DL Semplificazioni avvenuta il 7 febbraio, è stato emendato il famigerato comma 687 della legge di bilancio 2019, togliendone la valenza retroattiva. In conseguenza di ciò, come stabilito dal CCNQ 13 luglio 2016, il CCNL 2016-2018 per la dirigenza professionale, tecnica e amministrativa sarà nell’ ambito dell’Area Funzioni locali assieme ai dirigenti di Regioni ed Enti locali ed ai segretari comunali e provinciali.

Continua a leggere QUI IL COMUNICATO STAMPA FEDIRETS

Dopo settimane di silenzio, con la Newsletter del 31 gennaio 2019 pubblicata sul sito ufficiale, le Regioni, incuranti dei danni arrecati con la paralisi della contrattazione con un emendamento incostituzionale e perfino retroattivo, si vantano della “bravata”, nonostante il legislatore stia già correndo con urgenza ai ripari per emendare una iniziativa sciagurata.

Continua a leggere  QUI IL COMUNICATO STAMPA  COSMED 

Per consultazione, ecco gli allegati citati nel comunicato:

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2

Dal 29 gennaio è possibile fare domanda di pensionamento anticipato con quota 100,  inoltrando la domanda sul sito INPS.

Per conoscere tutti i rischi e benifici della misura  LEGGI O SCARICA QUI  IL COMUNICATO COSMED  del 30 gennaio con un’attenta analisi elaborata da Giorgio Cavallero, Elisa Petrone e Claudio Testuzza.
L’azione di FEDIRETS sta dando i suoi frutti:
-nella conversione del Decreto semplificazioni viene annullata la retroattività del  comma 687 della Legge di Bilancio ( 145 del 2018);
-il Comitato di Settore ha definito l’atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale 2016-2018 per l’Area Funzioni Locali,  così potrà finalmente iniziare la contrattazione.
Abbiamo vinto la prima battaglia, ma la lotta non è finita.
Clicca QUI PER L’INTERVISTA VIDEO   rilasciata il 17 gennaio  in occasione del sit-in davanti al Ministero della Funzione Pubblica, dalla dott.ssa Elisa Petrone – Segretario Generale Aggiunto di Fedirets