Archivi del mese: luglio 2017

Ieri  all’ARAN è stata firmata l’ipotesi di accordo relativo al Contratto sulle Prerogative Sindacali.

E’ il primo Contratto firmato dalla  Confederazione CODIRP,  la Confederazione alla quale oggi aderiamo.

Alla DIRER sono riconosciute solo 37 ore di permesso l’anno per le riunioni di organismi statutari, ancora meno di quelle che avevamo in precedenza. Questo rafforza la scelta politica che abbiamo fatto di unirci ad altre sigle,  dal SIDIRSS alla DIREL,  per contare di più ed essere più forti.

Per avere più ore di permessi e più prerogative sindacali tutto dipenderà da quanti saremo al 31 dicembre di questo anno,  quando saranno riconteggiate le deleghe sindacali.

Ora si deve fare il massimo sforzo per incrementare il numero delle deleghe ed evitare ogni fuoriuscita verso altre sigle sindacali.

Cliccando qui troverete il testo siglato il 26/7/2017 contenente l’Ipotesi; questo è solo il primo passaggio. Inizia adesso l’iter procedurale che porterà alla firma definitiva, certamente in autunno.

 

Pa, De Paolis (Direr-Sidirss): “Dirigenti scontano lentezza su riforma” / Il Video dell’intervista rilasciata all’Agenzia DIRE,  a seguito dell’audizione con il Presidente del Comitato di Settore Regione-Sanità, Massimo Garavaglia.

Clicca sul link per il video:

ROMA – “Sugli incarichi dirigenziali scontiamo anche il fatto che non è stata portata a termine la riforma Madia, per cui ci troviamo con un contratto che in qualche modo avrebbe presupposto la riforma realizzata. E invece ha un buco”. Lo dice Silvana De Paolis, segretaria nazionale Direr-Sidirss, il sindacato della Dirigenza e Quadri direttivi delle Regioni e Amministrativi della Sanità.

Sul problema della riorganizzazione del lavoro della dirigenza, la sindacalista spiega: “Noi principalmente chiediamo, e lo abbiamo chiesto in tutte le sedi di riforma, di avere chiarezza sulla parte normativa, di avere chiarezza sulle modalità di conferimento degli incarichi dirigenziali, di avere certezza sulla durata degli incarichi senza che siano interrotti da continui processi di riorganizzazione, e di avere chiarezza sul fatto che gli incarichi dirigenziali vanno dati secondo il merito, secondo le valutazioni”.

Il sindacato, continua De Paolis, chiede inoltre “di avere chiarezza sul fatto che prima di tutto gli incarichi vanno dati al personale interno agli Enti e poi solo se non ci sono competenze e professionalità negli Enti locali, si possa ricorrere a personale esterno. Tutto questo torniamo a chiederlo chiederlo al Tavolo contrattuale”.

È dal conferimento dell’incarico dirigenziale, sottolinea De Paolis, “che nasce il rapporto, l’effettività del lavoro del dirigente e la separazione della politica dalla gestione amministrativa. Noi abbiamo avuto un incontro con il presidente del Comitato di settore Garavaglia proprio in vista della riapertura del Tavolo contrattuale sul contratto di lavoro della dirigenza. E’ una situazione molto complessa perché con la restrizione delle aree di contrattazione ci troviamo insieme con situazioni molto diversificate ma il trait d’union di tutto è proprio l’attribuzione degli incarichi dirigenziali”.

La dirigenza deve avere un rapporto di lealtà con il politico ma non di fiduciarietà perché il dirigente, il dipendente pubblico, è al servizio di tutta la Nazione. Lo dice la Costituzione e questo principio non è stato toccato nemmeno con le eventuali riforme che non sono andate avanti” dice Silvana De Paolis, segretaria nazionale del Direr-Sidirss, il sindacato della Dirigenza e Quadri direttivi delle Regioni e Amministrativi della Sanità.

“Il principio della separazione tra politica e dirigenza negli Enti locali, nelle Regioni e nel settore della sanità- continua la sindacalista- è un principio scritto sulla carta che poi va realizzato nel concreto”. Il dirigente pubblico, “deve essere quindi competente, capace e super partes e deve essere in grado di realizzare gli obiettivi che fissa la politica nel modo migliore“.

La Corte di cassazione si è espressa sulla compatibilità dei rinnovi contrattuali dei contratti dei dirigenti a tempo determinato rispetto alle disposizioni comunitarie che vietano l’abuso della successione nel tempo dei contratti.

Clicca sul link per la Sentenza n.-17010-2017

e clicca qui per il   testo interpretativo

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il blocco
delle assunzioni della dirigenza in attesa della riforma che non c’è mai stata.

Per approfondimenti, leggi Qui l’ importante articolo di Luigi Oliveri 

Mercoledì 19 luglio  siamo stati ricevuti dal Presidente del Comitato di Settore Regione-Sanità – Massimo Garavaglia  e abbiamo consegnato  un importante documento.

clicca qui per il DOCUMENTO  e leggi   il RESOCONTO COMPLETO DELL’INCONTRO

 

Lunedì 10 luglio u.s. si è riunita in Roma la Segreteria Nazionale  e il Consiglio Direttivo  DIRETS.

E’ stato un incontro molto proficuo e sono state delineate le linee guida di azione sindacale da tenere presso l’Aran e ancor più sui tavoli che si apprestano ad essere aperti sul rinnovo del Contratto di Lavoro Nazionale.

Continua a leggere l’importante comunicato cliccando QUI